• WMB team

Passioni che alimentano il WMB

Tra le protagoniste e organizzatrici del WMB c’è Ilaria, giovane veronese con una passione sfrenata per le moto vintage, in particolare le Moto Morini. Un sorriso e un paio di occhi che non si dimenticano, Miss Morini è stata una delle prime a credere nel progetto WMB. Pur essendo giovanissima ha una storia motociclistica di tutto rispetto e gira abitualmente sul suo amato 3 1/2 GT del ’76. È la fondatrice del motoclub Ladies Scaligere, che raduna motocicliste di Verona ma non solo. Forse però è meglio lasciare a lei raccontare la sua storia e come abbia vissuto da protagonista questo primo Women Motors Bootcamp.

Cosa dire? Una descrizione più dettagliata di questa non me l'ha mai fatta nessuno, e per questo mi sento molto onorata.

Il nome Miss Morini sicuramente farà sorridere chi mi conosce e lascerà un po' di curiosità a chi non sa chi sono.

La mia passione per il motociclismo è nata fin da bambina, quando nel garage di mia nonna, osservavo ed adoravo, a volte anche sognandolo di notte, un fantastico Piaggio Ciao.

Rimanevo ore in adorazione immaginando chissà se in un futuro, una volta diventata grande, sarei riuscita a mettermi in sella ad una due ruote. Sono cresciuta nell'ammirazione dell' old style e di tutte quelle cose ed oggetti, che ormai non più giovani, hanno una storia da raccontare. Non c'è un giorno preciso in cui ho capito che il mondo del motociclismo d'epoca era la mia strada, praticamente questa passione è cresciuta di pari passo con me.

Nel mio percorso di evoluzione motociclistica all'interno del mondo vintage, c'è una frase che mi è stata donata da un appassionato di moto d'epoca a me molto caro e che mi ha sempre accompagnata, “siamo i custodi del tempo che passa”, quindi ridare vita alla storicità del motociclismo è diventata un po' la mia missione/ossessione. Ho lottato ed ho fatto molti sacrifici per avere le moto che possiedo oggi; sono stati i miei sogni e negli anni li ho realizzati andando, a volte, contro a chi non riteneva corretto seguire questa mia passione. Sono una motociclista multi-marca, ma il mio cuore è per il noto e storico marchio Italiano “Moto Morini”.

Ma ora parliamo un po' del Women Motors Bootcamp, perché di questo vorrei principalmente raccontarvi.

È un'idea che bazzicava già da molto tempo nella mente instancabile di Domitilla Leoni, ma diciamo che ha preso forma nell'ultimo anno, quando insieme abbiamo deciso di lanciarci in questa folle corsa. Officine Vivaldi (sponsor principale e parte dell'organizzazione), ha fatto si che utilizzando i propri mezzi, l'evento potesse avere una scenografia molto “American style”.

Tante sono state le ore di lavoro, le chiamate, le mail e le riunioni fatte e molte le persone che fortunatamente in questo cammino ci hanno aiutato a realizzare questo evento. Estelle Kolakowsi è arrivata come una stella nel nostro cielo, ci ha aiutati in modo molto professionale su tutto quel che riguardava l'organizzazione, rimanendo positivamente sconvolte nel vederla solo dopo qualche ora, gestire le registrazioni delle tantissime iscritte.

Colgo l'occasione per dirle grazie ed aver creduto in quello che stavamo realizzando.

Nella settimana pre evento eravamo tese come corde di un violino, ma quando l'8 Marzo tutto ha avuto inizio ed abbiamo finalmente incontrato tutte le donne che per mesi abbiamo conosciuto solo attraverso i social...... abbiamo capito che tutto stava andando nella direzione giusta, quando i loro sorrisi ed il loro entusiasmo ci hanno investito trasmettendoci tanta serenità.

Mettere per iscritto ciò che ho provato in questi tre giorni del WMB non è proprio facile, in quanto sono una ragazza molto sentimentale ed alcune cose le recepisco in modo molto accentuato, ma le tante donne che hanno preso parte al WMB, ci hanno lasciato una storia da custodire e raccontare, aumentando sempre di più le emozioni provate. La cosa che più mi ha colpito è stata la coesione che sin da subito tutte loro hanno avuto l'una con l'altra, dandosi forza e coraggio, come se si conoscessero da sempre; anche se molte sono arrivate da sole, dopo aver fatto amicizia fra di loro, alla fine dell'evento le abbiamo viste andarsene insieme. Per noi questo è stato un grande traguardo, il nostro obbiettivo, oltre a dare delle nozioni basi attraverso varie attività, è stato quello di dare l'opportunità di conoscersi e fare gruppo.

Ad un certo punto mi sentivo come su di un'altalena emotiva, passavo da momenti di tensione a momenti di gioia quando vedevo le ragazze uscire dalle attività soddisfatte e con il sorriso stampato sul volto, per ciò che avevano appena fatto.

L'emozione che provavo, la sentivo scorrere nelle vene a forma di brividi e non lo nego ho avuto attimi di tensione, dove mi chiedevo se tutto stava andando come da noi programmato.

Non posso nemmeno quantificare i passi che ho fatto durante questi giorni all'interno dell'area dedicata, e posso assicurarvi che ogni sera una volta giunta a casa, il mio corpo cercava solo un letto comodo per riposare, ma seppur mi trovavo in pieno relax, la testa continuava a ricevere forti emozioni, continuando a chiedermi se tutto era in ordine per il giorno successivo.

Nelle due cene da noi organizzate, abbiamo avuto modo di chiacchierare con le partecipanti al Bootcamp, e tante sono state le storie che mi hanno colpito ma una frase su tutte, mi ha veramente commosso: “ HO RITROVATO LA ME STESSA SMARRITA “.

Vi saluto e vi lascio augurandovi tutto il bene di questo mondo, con l'augurio di rivederci al più presto.

Ilaria Gelain (Miss Morini)

0 visualizzazioni